...oppure fatti richiamare gratis


    Il countdown è già iniziato: mancano venti giorni a Natale.

    Molte case e le vie delle città sono già addobbate a festa. Tra tutte le decorazioni, le luci rappresentano forse uno degli elementi più suggestivi, in grado di proiettare in un’atmosfera magica sia i più grandi che i più piccoli.

    Sappiamo bene quanto questo sia un momento particolarmente delicato per il mondo dell’energia, caratterizzato da un importante aumento dei prezzi che ci ha imposto di rivedere alcune delle nostre abitudini. E in questo periodo potremmo chiederci: ma quanto consumano le luminarie natalizie? Vediamolo insieme.

    Luminarie natalizie: facciamo chiarezza sugli effettivi consumi

    Partiamo col dire che l’impatto di queste luci sulla bolletta non è poi così elevato. Ipotizzando un utilizzo giornaliero di 8 ore per circa un mese, possiamo aspettarci in fattura un aumento che oscilli fra pochi euro fino a qualche decina, valore variabile a seconda della quantità e della tipologia di luminarie coinvolte: la maggiore incidenza a livello di consumi è legata proprio alla qualità di quest’ultime.

    Luminarie natalizie: meglio quelle a tecnologia LED

    Il nostro consiglio è quello di sostituire le vecchie lampadine a incandescenza con le più attuali a tecnologia LED, in grado di ridurre i costi fino a un terzo rispetto a quelli previsti con le luci tradizionali.

    In media, le luminarie a LED assorbono solo tra i 3 – 8 Watt di elettricità e generalmente sono in linea con le ultime disposizioni in fatto di sicurezza. A questo proposito, acquistate solo prodotti certificati, di cui si abbia certezza dei consumi e che possibilmente siano sprovvisti di adattatori (spesso non conformi nel caso di merce di importazione) che contribuiscono ad aumentare la dispersione di energia. In commercio si trovano anche festoni luminosi dotati di mini-pannelli fotovoltaici che, sfruttando l’energia solare, non comporteranno alcun addebito in bolletta.

    Per quanto paia evidente che questi siano solamente piccoli benefici, immaginiamoci migliaia di famiglie italiane che decidessero di liberarsi delle vecchie luminarie in favore di quelle a LED: i vantaggi che ne deriverebbero in termini di risparmio energetico e riduzione delle emissioni di C02 complessivi sarebbero decisamente più impattanti.

    Inoltre, in molte città italiane si è andati nella direzione dell’austerity: i sindaci, oltre a preferire le luci sopracitate, hanno deciso anche di ridurre l’orario di accensione giornaliero delle luminarie per dare una stretta ai consumi ritenuti non necessari.

    Luminarie natalizie: goditele senza ansie, ma diventa un consumatore più responsabile

    Abbiamo visto che basta giusto qualche piccola accortezza per risparmiare sulla bolletta e fare bene all’ambiente, continuando comunque a godersi la magia che le luci e il clima natalizio sanno trasmettere. Ciò che possiamo fare, nel nostro piccolo, è continuare a informarci su nuovi modelli di consumo da adottare nel quotidiano, così da diventare cittadini più consapevoli e attenti alle questioni energetiche.

    Fallo sapere al mondo


    Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità

    Iscriviti alla newsletter